Wink Hub 2

Recensione € 150
3

Summary

Tra i tanti Hub non è uno dei migliori un po ostico nel configurare ma poi una volta fatto va alla grande, aspettiamo i nuovi aggiornamenti per migliorarlo.

Sending
User Review
0 (0 votes)
Comments Rating 0 (0 reviews)

Wink Hub 2 casa intelligente, bianco

L’idea di Wink Hub è che, a differenza del supporto del cloud per le automazioni di tipi come IFTTT e Yonomi, è possibile tenere le cose internamente con un hub collegato direttamente alla rete domestica e che parla internamente alla tecnologia della tua casa intelligente .

Wink HubLa piattaforma di casa intelligente di Wink offre una gamma esaustiva di standard per la casa intelligente, offrendo un’esperienza di hub quasi completa. La società (ora di proprietà di will.i.am, ci crederesti?) Si è impegnata a rendere le cose il più possibile aperte. IFTTT, Z-Wave, Zigbee, Wi-Fi, Bluetooth LE, Clear Connect di Lutron e interfaccia Thread di Google sono tutti compatibili e supporta anche Nest, Sonos, Alexa, Assistente Google, Philips Hue e Honeywell. Ci sono notevoli assenze, tuttavia – Lifx, Belkin, D-Link per citarne alcuni – ma dato che puoi collegare gli assistenti vocali, c’è sempre una soluzione alternativa – e c’è una vivace comunità di hacker che può aiutarti ad armeggiare fino al contenuto del tuo cuore.

Il Wink 2 Hub è una piccola cosa sottile che potrebbe essere facilmente nascosta su una libreria e, mentre è consigliata la connettività Ethernet al router, è anche possibile collegarla alla rete domestica tramite Wi-Fi, sia con 2,4 GHz sia con Supportato a 5 GHz. A differenza dell’hub Samsung SmartThings, tuttavia, non è disponibile l’opzione di backup della batteria, quindi è necessario averlo collegato e acceso in ogni momento affinché le automazioni funzionino.

Wink chiama quei robot “automi” ed è questo il vero punto di forza del dispositivo. Certo, puoi eseguire la pianificazione e i controlli del dispositivo dall’app Wink, ma se stai facendo uscire il telefono dalla tua tasca per farlo, potresti anche utilizzare l’app nativa del dispositivo.

I “robot” sono automazioni multi-step e multi-condizione (pensa giorno, ora, stato casa / fuori casa e così via) che ti permettono di associare la tua tecnologia compatibile a lavorare in tandem. Ad esempio, puoi attivare l’accensione di alcune delle tue lampadine Hue se Nest Cam IQ Outdoor rileva movimenti o se i tuoi diffusori Sonos iniziano a riprodurre musica se il campanello suoneria viene premuto ma non sei a casa. Le possibilità sono infinite e puoi tenere traccia di ciò che i robot hanno funzionato e perché, all’interno di un flusso di attività sull’app.

Aggiungere dispositivi all’app è semplicissimo: qualcosa come Sonos si presenterà solo se si trovano sulla stessa rete, mentre qualcosa ti richiederà semplicemente di collegare i tuoi account. Wink ha anche una propria gamma di sensori, lampadine e simili se vuoi mantenere le cose davvero semplici.

L’unica cosa da tenere a mente è che Wink si è fermato a vendere nuovi dispositivi. L’azienda sta invece concentrando le proprie risorse e sforzi nel miglioramento dell’infrastruttura dei suoi attuali prodotti. Quindi, se sei alla ricerca di un Wink Hub 2, potresti essere in attesa per un po ‘.

Leave a Reply

Sending

Assistenti vocali nel settore hospitality: è boom
google-home www.okgoogle.it
Come cambiare la voce dell’Assistente Google sul tuo dispositivo Google Home
SQUAREDO-Smart-LED-ok-google
SQUAREDO Smart LED Lampadina WiFi: ALEXA e Google Home Attacco E27
philips-hue
Philips Hue super guida 2019: come configurare e utilizzare le luci Hue
SQUAREDO-Smart-LED-ok-google
SQUAREDO Smart LED Lampadina WiFi: ALEXA e Google Home Attacco E27
Wink Hub
Wink Hub 2
echo dot
Recensione Amazon Echo Dot (2019)
RoboVac 30C www.ok-google.it
Recensione Eufy RoboVac 30C: un potente aspirapolvere ad un prezzo allettante